Come viene devitalizzato un dente?

devitalizzare denti

A volte capita di trovarsi in una situazione dentale critica e che sia richiesto n intervento di devitalizzazione per ripristinare la corretta salute dei denti. Molti si chiedono come avvenga il processo di devitalizzazione e se sia molto doloroso.

La devitalizzazione di un dente

La devitalizzazione è considerata l’ultima spiaggia prima di estrarre definitivamente un dente grazie alle moderne tecniche. Data la complessità l’operazione chirurgica viene eseguita da dentisti abilitati o endodontista. Si tratta dell’asportazione della polpa dentale colpita da pulpite, che ha come sintomi un’ipersensibilità a stimolazione esterna, una sensibilità del dente nella parte bassa e in quella laterale a leggeri e ripetuti battiti di un attrezzo di metallo, oppure la sensibilità sui denti riscontrata al contatto con del cotone imbevuto di ipoclorito. Mentre in passato un dente devitalizzato era ben riconoscibile dagli altri, oggi grazie ai materiali utilizzati è molto difficile distinguerlo. Nella maggior parte dei pazienti, infatti, la devitalizzazione presenta un’elevatissima percentuale di riuscita e il rischio di complicanze è estremamente basso.

devitalizzare

Quanto e dolorosa la devitalizzazione?

A differenza di qualche tempo fa, il perfezionamento delle tecniche chirurgiche garantisce un intervento non doloroso. Durante il trattamento canalare, infatti, viene eseguita un’anestesia locale all’inizio in modo da isolare nervi interessati. Va sottolineato, quindi, che la procedura è completamente indolore nonostante il terrore dimostrato da diverse persone. Viene creato un foro sulla corona dentale per arrivare alla polpa danneggiata o infetta da rimuovere. Poi viene disinfettato tutto il canale radicolare con iniezioni di un potente battericida oppure tramite gli ultrasuoni intraradicolari e/o il nichel-titanio. Una volta disinfettato il canale viene riempito utilizzando del materiale sterile. Quando si solidifica, si espande in modo da assicurare una maggiore chiusura che arriva a sigillare fino ai tubuli interni della dentina. In una fase finale il dente viene sigillato. Se la quantità del dente residuo non è sufficiente a garantire la solidità dell’otturazione, viene prima inserito un perno e poi fissata una capsula. Durante tutte le fasi il paziente non prova alcun dolore, ma può presentarsi un leggero fastidio.

devitalizzazione dolore

Per tutte le informazioni necessarie ad approfondire l’argomento, vi invitiamo a raggiungerci presso il nostro studio in via Campo, 16 a Giffoni valle Piana (SA) oppure a chiamarci ai numeri 089.86.84.53 oppure 328.15.84