Gengive che sanguinano

Le gengive sono le sentinelle della nostra salute paradentale. Se nel nostro cavo orale vi è una qualsiasi aggressione batterica la prima ad infiammarsi sarà la gengiva. Quando ci si lava i denti, la gengiva infiammata potrebbe cominciare a sanguinare. Vi invitiamo a non sottovalutare questo sintomo.

gengive-sanguinanti-cause-rimedi

Le cause della gengivite (gengive sanguinanti) sono:

La placca batterica: un deposito di batteri uniti tra loro da una matrice organica che aderisce in maniera salda ai denti.

Il tartaro (cioè lo stadio successivo) che è un deposito calcificato di placca batterica.

 

Il rischio di una gengivite trascurata.

Placca batterica e tartaro se non vengono rimossi, coinvolgeranno strati più profondi del dente e le conseguenze saranno:

  1. Formazioni di tasche (Parodontite, Piorrea)
  2. Distruzione dell’osso
  3. Mobilità dentale
  4. Perdita del dente

 

Trattamento

La prima cosa da fare dinanzi ad un sanguinamento gengivale è sottoporre questo sintomo all’attenzione del dentista. Una volta individuate le cause d’origine sarà lui stesso a consigliare il trattamento più idoneo. Nelle infiammazioni acute potrà consigliare appositi colluttori, o in alternativa un rimedio casalingo a base di acqua ossigenata allungata con acqua naturale, da usare per risciacqui orali senza ingerire (in alternativa si può utilizzare della semplice acqua salata). Quando l’emorragia è piuttosto cospicua, può essere arrestata immergendo una garza in acqua molto fredda, per poi applicarla sulla gengiva sanguinante mantenendo una pressione costante per qualche minuto. Durante i successivi spazzolamenti andrà usata particolare accortezza, sfruttando soprattutto l’azione igienizzante dei meno traumatici risciacqui. Va comunque evitato l’utilizzo di colluttori commerciali a base di alcol.

 

Come prevenire il sanguinamento gengivale.

Rimuovere giornalmente la placca batterica con lo spazzolino, filo interdentale e scovolini

.1 2

Per una igiene dentale corretta sono necessari diversi minuti di spazzolamento (minimo 2) e
lo spazzolino va sostituito massimo ogni 3 mesi

Rimuovere il tartaro periodicamente dal vostro dentista di fiducia (ricordiamo che la rimozione del tartaro deve essere eseguita da un igienista e non è possibile intervenire da soli in quanto spazzolino e filo non sono in grado di rimuoverlo).