Le principali cause delle macchie dentali

Le principali cause delle macchie dentali

Ognuno di noi desidera un sorriso a prova di selfie! Eppure, non tutti possono vantare denti bianchissimi…e Le macchie sui denti sono un inestetismo molto comune che, purtroppo, viene anche associato ad una scarsa igiene orale. Ovviamente, non sempre e così ed è per questo che oggi vogliamo parlarvi delle principali cause delle macchie dentali.

Come distinguere le macchie dentali

Partiamo con il dire che esistono 3 differenti tipologie di macchie dentali:

  1. Macchie superficiali

Le macchie superficiali Si tratta di macchie visibili sulla superficie del dente e sono di colore marrone. Queste chiazze sono causate da bevande come tè, caffè e vino rosso, alimenti come la liquirizia e prodotti a base di tabacco come le sigarette. Si tratta, inoltre, di macchie semplici da trattare in quanto possono essere prevenute con l’igiene orale domiciliare e rimosse con una seduta di pulizia professionale dal dentista.

 

  1. Depositi di placca e tartaro

Anche la placca e il tartaro possono favorire la formazione di macchie: questi depositi di batteri si presentano spesso come aree scure attorno al bordo gengivale o nella parte bassa dei denti frontali.

Anche in questo caso si tratta di macchie piuttosto facili da rimuovere con un’igiene orale professionale o uno scaling, sempre che non abbiano già dato vita a una forma di parodontite (o piorrea).

 

  1. Pigmentazioni interne

Queste macchie si presentano all’interno della struttura stessa del dente per cui, è piuttosto difficile intervenire.

Cause più comuni delle macchie dentali

Come abbiamo detto ad inizio articolo, oggi ci interessa focalizzarci sulle cause delle macchie dentali. Di seguito una carrellata delle principali:

✅Carie

In questo caso, la superficie della macchia appare molle e irregolare al tatto, a causa dell’attività batterica che aggredisce e consuma la superficie dello smalto.

Cibi contenenti sostanze coloranti

Caffè, tè, cioccolata e liquerizia, se assunti in grandi quantità, possono macchiare i denti e ricoprirli di una patina giallognola molto difficile da rimuovere. Quanto assumete sostanze di questo tipo, è bene che vi laviate immediatamente i denti, così da rimuovere i residui coloranti dalla superficie dello smalto prima che possano penetrare in profondità.

Invecchiamento

Con l’invecchiamento, la superficie dei denti può ingiallirsi ed usurarsi. Questa condizione può essere risolta solamente tramite l’utilizzo di strumenti professionali quali lo sbiancamento laser e bleaching con perossido di idrogeno.

Fumo di sigaretta

Con il tempo, tutti i prodotti a base di tabacco causano macchie dentali giallognole ai denti, a prescindere dall’attenzione riservata all’igiene orale.

Farmaci

Alcuni collutori ricchi di clorexidina, utilizzati per contrastare la carie e la ritrazione gengivale, possono dare origine a discromie del dente molto visibili. Queste macchie appariranno come una patina frastagliata marroncina che può estendersi anche alla lingua. Per prevenire la formazione di queste macchie dentali, non utilizzate collutori particolarmente concentrati più di due volte al giorno e solo su consiglio del vostro dentista.

Per maggiori informazioni, non esitate a contattarci.

Inoltre, vi invitiamo a raggiungerci presso il nostro studio in via Campo, 16 a Giffoni valle Piana (SA) oppure a chiamarci ai numeri 089.86.84.53 oppure 328.15.84.036