Esistono dei rimedi alla piorrea?

Esistono dei rimedi alla piorrea

Quando si parla di salute orale, la prevenzione è la miglior cura per avere una bocca sana. Soprattutto quando si presentano arrossamenti o sanguinamento della gengiva, è fondamentale intervenire per tempo per scongiurare il rischio di paradontite. Oggi vogliamo rispondere ad una delle domande più frequenti dei nostri pazienti: Esistono dei rimedi alla piorrea? Scopriamolo subito.

Cos’è la piorrea

La piorrea è la malattia che riguarda il parodonto, ovvero l’insieme dei tessuti di sostegno dei denti (gengiva ligamento parodontale ed osso). Si tratta di un’infezione derivata da diverse specie batteriche che provocano danni ai tessuti che assicurano la stabilità dei denti. Nel tempo si presentano lesioni distruttive delle fibre collagene e dell’osso alveolare fino alla caduta definitiva del dente. Normalmente all’interno della bocca sono presenti diversi batteri da tenere sotto controllo con una corretta igiene per evitare l’insorgere di una gengivite che coinvolge i tessuti sottostanti. Una scarsa igiene orale, infatti, permette alla placca di concentrarsi in maniera massiva in zone difficilmente raggiungibili dallo spazzolino portando alla calcificazione  della placca e alla formazione del tartaro.

Al di là dell’igiene orale, la piorrea può presentarsi in seguito ad interventi odontoiatrici eseguiti male. Ulteriori cause possono essere il diabete, il tabagismo, le neoplasie, la carenza di vitamina C o fattori genetici.

I possibili rimedi alla piorrea

Una diagnosi tempestiva della paradontite, può evitare gravi conseguenze e, soprattutto, la terapia precoce non necessita di procedure sofisticate o l’utilizzo di strumentazioni costose.

In linea di massima, la terapia per curare la piorrea parte con alcune sedute di igiene professionale, accompagnate da sedute più approfondite che consentono la rimozione sotto gengivale di placca e tartaro.

✅Nei casi meno gravi, questi trattamenti sono sufficienti.

❌Se le tasche gengivali formatesi vanno oltre i 6 millimetri, è necessario ricorrere ad interventi chirurgici che agiscono su rimodellamento e rigeneramento osseo oppure ad interventi di chirurgia plastica gengivale.

Quello che vi consigliamo è di non sottovalutare mai il sanguinamento gengivale: le gengive sane non sanguinano!

Sono di colore rosa pallido, sode, con un profilo corrugato. Invece le gengive infiammate e malate sono di colore rosso scuro, molli e sensibili. Sanguinano facilmente ed emanano un cattivo odore.

Fate attenzione a questi aspetti e se notate qualcosa che non va, non esitate a contattarci per un consulto.

Quindi, se notate un sanguinamento delle gengive regolare, vi invitiamo a raggiungerci presso il nostro studio in via Campo, 16 a Giffoni valle Piana (SA) oppure a chiamarci ai numeri 089.86.84.53 oppure 328.15.84.036