Carie dentali: tutte le tipologie

carie dentali-0

Quanti tipi di carie dentali esistono?

Differentemente da come molti pensano, esistono carie dentali di diverso tipo. Esse vengono classificate tenendo conto di vari fattori fondamentali. Conoscere bene le tipologie di carie dentali che vi affligge aiuterà a trovare la terapia più adatta al caso.

Scopriamo insieme in questo articolo come distinguere le tipologie di carie più frequenti o importanti.

Carie dentali: cosa sono?

Le carie dentali sono le manifestazioni di una malattia degenerativa infettiva dello smalto e della dentina. Si origina sulla superficie fino a raggiungere la polpa dentale. Questa infezione è causata da comuni microrganismi presenti normalmente nel cavo orale. Quest’ultimi convivono con l’individuo e non possono essere eliminati. Se non sono mantenuti sotto controllo con pratiche di igiene orale o si verifica un abbassamento delle difese immunitarie, riescono a creare lesioni cavitate. Le carie dentali, pertanto, è una patologia infettiva per la quale batteri non nocivi provocano dei danni a causa del mutarsi delle normali condizioni.

carie dentali-1

Ciò che non tutti sanno è che esistono diversi tipi di carie dentali. Non tutte le carie sono uguali. Identificare il tipo di carie che attacca un dente è importante, soprattutto, per i dentisti sia per diagnosticare correttamente l’infiammazione sia per scegliere il trattamento più. Le carie dentali, solitamente, vengono classificate in base alla posizione all’interno del cavo orale in cui si manifestano.

Classificazione carie dentali per posizione assunta.

Tenendo conto della zona del cavo orale in cui si manifestano le carie dentali abbiamo i seguenti tipi.

1) Carie interdentale

carie dentali-2

È detta anche carie interprossimale. Essa si sviluppa tra un dente e l’altro ed ha la caratteristica di progredire senza manifestarsi. Con il passare del tempo, lo smalto cede e mette in evidenza la lesione procurata dall’infezione.

Questo tipo di carie può essere diagnosticata con una radiografia endorale. I sintomi manifestati, quando la carie è già in fase avanzata, solitamente sono dolori molto forti causati dalla masticazione o da stimoli termici.

2) Carie radicolare

carie dentali-3

Questa tipologie delle carie dentali interessa il cemento dentale, ovvero una forma particolare di tessuto osseo che fa parte della sostanza compatta del dente che circonda la dentina nella regione della radice. La carie radicolare si sviluppa sotto la gengiva ed arriva molto velocemente ad attaccare la radice.

Si manifesta frequentemente nelle persone affette da parodontite o altre patologie che causano la recessione gengivale, esponendo la radice a un attacco batterico diretto. Questa carie può portare molto velocemente alla distruzione del dente.

3) Carie cervicale

carie dentali-4

La carie dentale cervicale colpisce il colletto, soprattutto dei molari. Essa, infatti, coinvolge la porzione alta del dente tra gengiva e radice, dove tende ad accumularsi molto la placca batterica. Questo tipo di carie dentali è particolarmente pericolosa perché nella zona cervicale lo smalto è meno strutturato e la lesione può progredire molto velocemente verso la polpa, causando una gengivite ed una lesione molto profonda.

4) Carie centrale

carie dentali-5

Si sviluppa nella direzione inversa rispetto al classico processo carioso, dalla parte centrale del dente verso l’esterno. Quando l’infezione raggiunge la polpa dentale provocando una necrosi, le pareti del canale pulpare vengono esposte all’ambiente orale. La carie centrale ha inizio su queste pareti e si diffonde dai tubuli della dentina verso la superficie esterna. Con l’avanzare della lesione, le pareti della radice vengono assottigliate e distrutte dall’infezione.

5) Carie superficiale

carie dentali-6

Questa tipologia di carie dentali colpisce la corona. Quest’ultima è la parte esterna del dente, quindi quella più esposta agli agenti batterici. La superficie più colpita è quella occlusale, cioè la porzione del dente che tritura il cibo e dove questo ristagna. È la più facile da rilevare perché è chiaramente indicata dalla macchiolina scura visibile allo specchio durante lo spazzolamento quotidiano.

Carie dentali e dentista

Un’ottima igiene orale quotidiana dovrebbe essere un must per ognuno di noi. In più per non rischiare l’evoluzione di carie dentali molto importanti o peggioramenti si consiglia di rivolgersi al proprio dentista al minimo segnale di sensibilità. Anche sottoporsi a una pulizia dentale professionale almeno una volta ogni 12 mesi è un ottimo consiglio da seguire.

carie dentali-7

Per tutte le informazioni necessarie ad approfondire l’argomento, vi invitiamo a raggiungerci presso il nostro studio in via Campo, 16 a Giffoni valle Piana (SA) oppure a chiamarci ai numeri 089.86.84.53 oppure 328.15.84