Le faccette dentali – un nuovo sorriso a portata di denti

L’applicazione delle faccette dentali (o veneers) tra i tanti lavori che può fare un dentista forse è uno dei più difficili e più sofisticati.
Non è il caso quindi di affidarsi a persone che non hanno tanta esperienza in questo settore.
Possono essere fatte sia in ceramica che in porcellana e di norma vengono utilizzate per mascherare tutti i difetti presenti sui nostri denti e ottenere così un sorriso perfetto.
Le faccette in porcellana o in ceramica sono una tecnica ricostruttiva dei denti anteriori, così detti del sorriso, quindi particolarmente estetica. Non contengono al loro interno del metallo così come avviene nella maggior parte delle corone complete e questo gli conferisce una caratteristica particolarmente estetica di traslucenza ed inoltre, vediamo che a differenza delle corone complete, con il passare del tempo non è possibile che si inizi a vedere quell’antiestetico bordino scuro.

Le faccette in porcellana sono costituite da un sottile guscio in porcellana, questi gusci una volta definitivamente cementati al dente assumono una particolare resistenza, per cui il paziente può utilizzare questi denti per la masticazione cosi come se fossero dei denti naturali.

Le veneers, come detto, servono per ricoprire la superfice dei denti, possono essere realizzate per un dente singolo oppure per più denti potendo così fornire un vero e proprio nuovo sorriso.
È possibile restaurare un dente singolo quando, ad esempio, un unico dente ha dei problemi di decolorazione. Alcuni denti infatti possono perdere le qualità di superfice e diventare molto più scuri. Allora in questo caso si possono restaurare questi singoli denti ricoprendoli con una faccetta.
È possibile restaurare un dente singolo anche nel caso in cui il dente venga fratturato e quindi perde grossa parte del tessuto dentale. In questi casi è necessario rinforzarlo con nuovo tessuto di apporto: tessuto artificiale.

269466_457304767645106_433039495_n
È bene ricordare che la porcellana ha delle qualità fisiche e di superfice di colore molto sovrapponibile anzi praticamente identiche a quelle dello smalto naturale; per cui utilizzando delle faccette in porcellana è stato dimostrato scientificamente che si può restaurare un dente come se fosse un dente naturale.

 

 

Oltre i denti singoli è possibile restaurare anche più denti adiacenti.
Spesso tra i denti dei nostri pazienti sono presenti una serie di alterazioni: spazi, buchi neri, forme non adeguate, ecc. In questi casi si può intervenire in primis facendo seguire al paziente una terapia ortodontica. Questa consiste nel prescrivere al paziente un apparecchio invisibile da portare per un pò di tempo in modo che i denti comincino ad assumere una forma più adeguate all’intervento. Concluso questo processo si può passare al trattamento con lo sfoglia di smalto artificiale.

invisalign02

Una differenza fondamentale tra le faccette in porcella e le corone complete in porcellana è che nel caso delle corone complete deve essere rimosso totalmente lo smalto del dente mentre dato che le faccette vengono cementate sullo smalto dei denti, lo smalto deve essere rimosso in minima quantità.

Anche se molti pensano che questa operazione sia una tecnica innovativa, in verità l’applicazione delle faccette dentali era stata già introdotta negli anni 30 a Hollywood, dove il dr. Pincus effettuava questo tipo di intervento per migliorare il sorriso degli attori durante le riprese. A fine giornata, le faccette venivano rimosse perchè a quel tempo non esistevano dei materiali in grado di fissare le lamine permanentemente.

Vi mostriamo ora alcune immagini prima e dopo l’istallazione:

faccette-dentali

00copy

voorna15

voorna20