Denti lindi e pinti

Un sorriso smagliante con la pulizia dentale professionale

 

Il sorriso è il biglietto da visita di ognuno di noi; a chi non piacerebbe fare un sorriso a 32 denti che per ammirarlo si ha bisogno di occhiali da sole a causa della sua lucentezza, come spesso ci presentano gli spot pubblicitari? Forse quella luce celestiale che ci presentano è un po troppo esagerata, ma in questo articolo vi spiegheremo come fare per avere un sorriso splendente, quasi da pubblicità!

 

Pulizia di routine e pulizia professionale

La cura del nostro sorriso parte dalla pulizia dentale di routine che svolgiamo tutti i giorni a casa. Per quanto eseguita in modo meticoloso ed attento, essa non è soddisfacente per eliminare totalmente la placca ed il tartaro dai denti. Infatti, la pulizia dentale quotidiana si limita a sollevare i batteri e i residui di cibo depositati sullo smalto del dente od incastrati negli spazi interdentali, ma non riesce tuttavia ad eliminare placca e tartaro nascosti sotto la gengiva o negli spazi difficilmente raggiungibili dallo spazzolino, sia elettrico che non. I migliori alleati dei nostri denti sono lo spazzolino, il dentifricio, il filo interdentale e il collutorio che, usati tutti e 4 insieme, permettono di ottenere un’eccellente pulizia dei denti “fai da te” nella vita di tutti i giorni.

Brushing my teeth

Nonostante si attui una pulizia quotidiana impeccabile, è ragguardevole recarsi dal proprio dentista ed effettuare una pulizia dentale professionale poiché non sempre la pulizia de denti “fai da te” è sufficiente per eliminare interamente placca, tartaro e batteri presenti all’interno del nostro cavo orale, soprattutto in quelle zone difficilmente raggiungibili con un normale spazzolino o il filo interdentale. Per capire l’importanza di questo trattamento basti pensare che il tartaro provoca infiammazione e se non rimosso può provocare tasche gengivali, recessioni gengivali, fino alla perdita del dente; le recessioni gengivali sono irreversibili e si possono correggere solo chirurgicamente con innesti di gengiva o connettivo.

prof

 

Come si esegue?

Come già detto, lo scopo fondamentale della pulizia professionale è rimuovere il tartaro sottogengivale, non visibile e non raggiungibile dallo spazzolino. Per questo motivo si utilizzano strumenti a ultrasuoni e strumenti manuali. I primi sono dotati di particolari punte che permettono di raggiungere il tartaro sottogengivale; la punta compie un movimento vibratorio che riesce a rimuovere delicatamente il tartaro. I secondi hanno anch’essi punte particolari ma non vibrano e vengono utilizzati da soli o insieme agli strumenti a ultrasuoni.

Dopo la rimozione di placca e tartaro le macchie superficiali dei denti vengono eliminate mediante una particolare gomma e una pasta contenente abrasivi che ha una azione smacchiante. Naturalmente vengono rimosse solo le macchie esterne, per le macchie interne bisogna ricorrere a una procedura di sbiancamento.

Dentist teaching little boy bruching teeth in dental clinic

La seduta di igiene orale professionale include anche un programma personalizzato di istruzione e motivazione del paziente all’igiene orale quotidiana.

 

Ogni quanto bisogna farla?

Le associazione dei medici dentisti italiani e gli stessi igienisti dentali consigliano di effettuare la pulizia dentale professionale ogni 6 mesi o, almeno una volta all’anno.

fre

La frequenza con cui effettuare tali sedute varia a seconda dell’inclinazione di ciascuna persona nell’accumulare placca e tartaro, da come si è abituati a spazzolare i denti, dalla frequenza dell’uso del filo interdentale o collutorio e dalla correttezza dell’igiene orale quotidiana casalinga.

In caso di gengivite o parodontite cronica, affollamento dentale, gravidanza e terapie che provocano xerostomia, cioè la secchezza delle fauci, è consigliabile fissare appuntamenti per la pulizia denti ogni 3 o 2 mesi. Il vostro dentista saprà consigliarvi la frequenza più adatta a voi!