Quali sono i disturbi dell’ATM?

disturbi dell’ATM

Per capire quali siano i disturbi dell’ATM, ovvero dell’articolazione temporo-mandibilare, basta far riferimento a cefalea, dolore e fastidiosi scricchiolii in fase di masticazione. Si tratta dei malfunzionamenti che interessano l’articolazione temporo-mandibolare – una delle più complesse del corpo umano – e l’insieme di muscoli, tendini e legamenti che la supportano.

Ma quali sono le cause, i sintomi e le tipologie di disfunzioni possibili? Oggi lo scopriamo insieme…

Quali sono le cause dell’ATM

Nella maggior parte dei casi, le disfunzioni dell’ATM sono dovute a una combinazione di problemi anatomici delle articolazioni e tensioni muscolari. Ma tra le cause troviamo anche:

✅Bruxismo

✅Affaticamento eccessivo dei muscoli

✅Osteopenia

✅Traumi

✅Infezioni

Sintomi dell’ATM

Non è facile diagnosticare i disturbi dell’ATM. Sono diversi infatti i sintomi che li definiscono e questi possono essere facilmente associati ad altre patologie. Inoltre possono presentarsi singolarmente o in concomitanza tra loro e con un’intensità piuttosto variabile. I primi indicatori da valutare sono i seguenti:

✅Mal di testa, spesso accompagnato da forte pressione dietro gli occhi e mal d’orecchio

✅Dolori e scatti durante la masticazione

✅Mandibola bloccata o fuori posizione

✅Muscoli della mandibola deboli

✅Difficoltà ad aprile la bocca

I possibili disturbi dell’ATM

Le disfunzioni dell’ATM non sono tutte uguali. Per questo è importante riconoscerle e diagnosticarle in modo tempestivo per risolverle:

L’Artrite dell’articolazione temporomandibolare è una delle poche a interessare anche i bambini, specialmente in caso di traumi al mento o ai lati del viso.

La Sindrome algodistrofica miofasciale è il più comune tra i disturbi dell’ATM, interessa principalmente le donne di età compresa tra i 20 e i 50 anni.

L’Incoordinazione condilo-discale è dovuta ai legamenti che sorreggono il disco che si allentano o si stirano, magari a causa di un trauma.

L’Anchillosi dell’ATM, che causa una limitazione dei movimenti della mandibola,

L’Ipermobilità della mandibola, che si ha quando i legamenti che sostengono l’articolazione si allungano.

A seconda della causa della disfunzione della ATM, ci possono essere diversi tipi di trattamenti. Se la problematica è una conseguenza di una alterazione delle arcate dentali (come ad esempio in seguito alla

perdita/estrazione di un dente), di una malformazione delle arcate dentali, del palato o della mandibola, allora sarà necessario l’utilizzo di apparecchi correttivi consigliati da un Odontoiatra. Quando invece la problematica dell’ATM ha un’origine muscoloscheletrica, ed è quindi provocata da un’alterazione della tensione dei vari muscoli cranio-cervico-mandibolari, risulta particolarmente utile il trattamento manuale, con tecniche mirate al recupero dei movimenti articolari limitati e alla diminuzione delle tensioni muscolari anomale.

Spesso è utile ricorrere ad entrambi i tipi di approcci per avere un risultato più soddisfacente (ad esempio abbinando l’utilizzo di un bite al trattamento manuale).

Se avete bisogno di informazioni aggiuntive in merito, vi invitiamo a raggiungerci presso il nostro studio in via Campo, 16 a Giffoni valle Piana (SA) oppure a chiamarci ai numeri 089.86.84.53 oppure 328.15.84.036